Places of
Adventures of Huckleberry Finn (1884)

by

Adventures of Huckleberry Finn (1884)
«You don’t know about me without you have read a book by the name of The adventures of Tom Sawyer; but that ain’t no matter. That book was made by Mr Mark Twain, and he told the truth, mainly.»
1 / 5
  • Missouri from the book "Adventures of Huckleberry Finn (1884)" by Mark Twain

    Missouri

    Mark Twain decise di ambientare la prima parte del suo romanzo a St. Petersburgh, città inventata, che corrisponde- nella realtà- alla località di Hannibal in Missouri. Il protagonista Huck, dopo essere stato abbandonato dal padre, vive per un periodo come un vagabondo per strada. Quando finisce sotto la tutela della vedova Douglas, il ragazzo è costretto a lasciarsi 'incivilizzare'. L'amico Tom Sawyer lo aiuterà a sopportare le regole e i doveri di casa. «Probabilmente non avete mai sentito parlare di me, a meno che non abbiate letto un libro dal titolo Le avventure di Tom Sawyer, ma questo non importa. Il libro è stato scritto dal Signor Mark Twain ed egli ha detto la verità, per lo più.»

  • Illinois from the book "Adventures of Huckleberry Finn (1884)" by Mark Twain

    Illinois

    Il padre di Huck torna nella vita del ragazzo, rivendicando la custodia del figlio (in cerca di denaro e non certo di paternità). Dopo averlo portato via dalla casa della vedova, il padre conduce Huck lungo il fiume Mississippi dove lo costringe a vivere come un prigioniero in una catapecchia lontano da tutti. Huck è costretto a ricevere continue bastonate e vessazioni dal padre, quasi sempre ubriaco. «Ma passa del tempo, e papà comincia a usare un po' troppo il bastone, tanto che non ce la facevo più. Ero pieno di lividi per tuttil corpo. Poi comincia a stare via per una sfilza di giorni alla volta, e mi chiudeva sempre a chiave»- Al limite della sopportazione, Huck approfitta dell'assenza del padre per fuggire e simulare la propria morte in modo da non essere cercato lungo il fiume.

  • Jackson from the book "Adventures of Huckleberry Finn (1884)" by Mark Twain

    Jackson

    Huck - dopo la fuga dal padre- si rifugia nell'isola di Jackson dove incontrerà lo schiavo nero Jim, suo futuro compagno di avventura lungo il fiume Mississippi. «Ero così contento di vedere Jim, perchè così non mi sentivo più solo. Gli dico che non avevo paura che lui andasse a dire dove mi trovavo. Continuo a parlare, ma lui restava fermo e mi covava con gli occhi, e non spiccicava una parola.»

  • Kentucky from the book "Adventures of Huckleberry Finn (1884)" by Mark Twain

    Kentucky

    Jim e Huck lasciano l'isola di Jackson e scendono il fiume per sfuggire alla legge che - per una serie di coincidenze- ha dichiarato lo schiavo nero colpevole della morte ('fasulla') del ragazzo. Il loro obiettivo è raggiungere l'Ohio appartenente a quegli stati dove la schiavitù sembra essere stata abolita. Non tutto, però, va secondo i loro programmi: un infernale banco di nebbia si posa sulla palude facendo perdere ai due amici la direzione e portando la zattera a sbattere contro un battello. Huck resta così -solo- in balia dell'acqua, viene salvato e ospitato dalla ricca famiglia degli Grangerford, nella parte fluviale dello stato del Kentucky. «Mi metto a urlare il nome di Jim una dozzina di volte almeno, ma non ottengo risposta, così che mi afferro a un pezzo di tavola che avevo trovato mentre stavo nuotando 'in piedi' e cerco di dirigermi verso riva, spingendola davanti a me.»

  • Arkansas from the book "Adventures of Huckleberry Finn (1884)" by Mark Twain

    Arkansas

    Dopo essere stato coinvolto in una faida nel suo soggiorno in Kentucky, Huck si rimette in cammino e - con sua grande sorpresa- ritrova l'amico Jim e la zattera riparata da quest'ultimo. I due proseguono il viaggio e all'altezza del confine con l'Arkansas e il Tennessee sono costretti ad avere la compagnia a bordo di due ospiti indesiderati: il "Duca d'Aquasparta" e per il "Re di Francia" «Trascorrono due o tre giorni e altrettante notti e direi quasi che ci nuotano accanto, tanto scivolano via tranquilli, uguali, incantevoli. Noi si passava il tempo così. Era un fiume tremendamente grosso da quelle parti- a volte largo un miglio e mezzo. Si navigava di notte, ci fermavamo di giorno per restare nascosti.» Continueranno in Arkansas altre peripezie e i tentativi da parte di Huck e di Jim di liberarsi dei loro nuovi compagni, due truffatori senza scrupoli. La trama vede l'atto di liberazione che il ragazzo decide di fare nei confronti dell'amico schiavo e il ricongiungimento, alla fine del romanzo, con il fedele amico Tom Sawyer.