I luoghi di
L'opera struggente di un formidabile genio | A Heartbreaking Work of Staggering Genius (2000)

di

L'opera struggente di un formidabile genio | A Heartbreaking Work of Staggering Genius (2000)
«Era in quei momenti che sapevi di aver detto qualcosa di veramente divertente, quando piangeva dal ridere e si asciugava gli occhi, allora si che l'avevi conquistata, e ne godevi, non c'era altra impresa più grande o più importante, più commovente, e magari provavi anche a darti un tono facendo finta di nulla, ma in realtà eri gongolante e orgoglioso nel guardarla, e avresti voluto che ti implorasse basta! basta!, perchè eri così buffo ma invece tu continuavi perchè volevi che ridesse un altro po', che ridesse fino a che non ce l'avrebbe fatta più, mezza collassata sul piano della cucina mentre tu eri seduto al tavolo dopo la scuola. Oh sei tremendo! diceva. Piantala! Ma per vederla ridere avresti dato qualunque cosa, anche perchè lei era il tipo che apprezzava una bella risata alle spalle di qualcuno, di Bill, di Beth, delle tue, delle sue, e in quei momenti tutto il resto scompariva, tutte le volte che avevi avuto paura di lei, tutte le volte che saresti voluto scappare, tutte le volte che ti eri chiesto come facesse a vivere con lui, a proteggerlo, e tutto quello che desideravi era solo che ridesse con te come ogni tanto faceva al telefono con le amiche.» Dave si ritrova improvvisamente orfano con Toph, il fratello minore, da accudire. Dave ha ventidue anni, e non ha nessuna intenzione di rinunciare a vivere; Toph ha appena otto anni ma non vede l'ora di diventare grande. I due decidono di vendere la casa dove hanno vissuto fino a quel momento con i loro genitori e partono alla scoperta del mondo, in fuga da assistenti sociali, parenti piagnoni e amici pieni di compassione.
1 / 3