Passa poco più di un anno dall'arresto e incarcerazione che Limonov viene trasferito a Saratov, località sul fiume Volga. Qui ha luogo il processo e lo scrittore subisce una condanna di 15 anni con l'obbligo di scontare la pena nella località di Engels nella russia meridionale. Non è questa la sola pena che Limonov dovrà affrontare, nello stesso periodo infatti apprende la notizia che la moglie Natalya è morta per probabile overdose. Limonov tuttavia verrà presto riportato alla luce grazie ai cambiamenti politici e all'opinione pubblica, il ruolo di scrittore e la sua fama richiamano l'attenzione e fanno sì che venga scarcerato e rivalutato il suo caso.