Lo scrittore giunge a Calcutta- città impossibile, allegoria e rivelazione. «E Calcutta mi chiama con una gran voce: è una roca voce di carne malata, una festa epidemica, il clangore dei devoti della dea Kali- la Madre- un luogo decrepito e giovane, un cadavere neonato.»