«Perché anche se facevamo così tanto l’amore, la felicità doveva essere un’altra cosa, qualcosa forse più triste di questa pace e di questo piacere, un’aria forse di liocorno o di isola, una caduta interminabile nell’immobilità».