Per raggiungere Saigon da Penang, Neruda attraversa il Laos e la Cambogia a bordo di un autobus sgangherato. Un guasto in mezzo alla foresta regala al poeta- impaurito e solo- uno spettacolo inaspettato e indimenticabile. «A un tratto apparve un lume, poi un altro. La strada si riempì di lumi. Suonò un tamburo; scoppiarono le note stridenti della musica cambogiana. Flauti, tamburelli e torce riempirono la strada di luce e di suoni. [...] Per ore e ore, sotto quegli alberi che non mi minacciavano più, assistetti alle meravigliose danze rituali di una nobile e antica cultura e ascoltai, fino al sorgere del sole, la musica deliziosa che invadeva la strada.»
2

Autori passati vicino a Cambogia ( 2 )