Neruda subisce il fascino di Marsiglia, città di passaggio prima di approdare in Oriente, questo luogo gli fa immaginare e ripensare alla figura del poeta francese Arthur Rimbaud. «Marsiglia mi affascinò con il suo romanticismo commerciale e il Vieux Port alato di vele inquiete con una sua tenebrosa turbolenza.»