Temuco è la città dove il padre di Neruda aveva trovato lavoro come ferroviere e dove si era sposato per la seconda volta, con Trinidad Candia Marverde. Sarà la città d'infanzia del poeta che la descrive così: «Temuco è una città pioniera, una di quelle città senza passato, con botteghe di ferramenta. Gli indios non sanno leggere, e così le botteghe ostentano nelle strade i loro emblemi vistosi: un immenso saracco, una pentola gigantesca, un lucchetto ciclopico, un cucchiaio antartico.»